Dark Souls Wiki
Advertisement

Vendrick è un boss opzionale di Dark Souls II. È stato doppiato in lingua inglese da William Houston, che ha prestato la voce anche a Chester il Magnifico in Dark Souls e a Oceiros in Dark Souls III.

Lore[]

Vendrick, un tempo il grande re di Drangleic, fondò il suo regno sulle rovine di quelli degli altri che lo precedettero e sulle anime dei Quattro Antichi. Grazie anche all'aiuto di suo fratello, Lord Aldia, Drangleic prosperò. Il re favoriva la forza e si servì di un esercito inarrestabile. Le stregonerie erano tollerate, ma i miracoli disprezzati.

Stando alla leggenda, una misteriosa donna di nome Nashandra, descritta come di bellezza impareggiabile, giunse a Drangleic tempo addietro e avvertì Vendrick di una minaccia proveniente da oltre il mare, nella terra dei giganti. Vendrick rese Nashandra la sua regina e attraversò l'oceano con lei per combattere i giganti. Durante la guerra, saccheggiò le loro terre e ne prese diversi prigionieri per utilizzarli come cavie per vari tipi di esperimento a Drangleic. Tali esperimenti aiutarono Vendrick a comprendere maggiormente la natura dell'anima e lo spinsero a costruire dei golem. Con questo nuovo potere, Vendrick costruì decine di golem, grazie ai quali venne eretto il Castello di Drangleic. Con Nashandra come regina, il regno entrò in un lungo periodo di pace e prosperità.

Essa non era però destinata a durare. Desideroso di vendicarsi per l'affronto subito, il re dei giganti mise insieme un esercito per invadere Drangleic, volendo anche vendicare le morti dei giganti che Vendrick aveva catturato e utilizzato per atroci esperimenti. Memori delle azioni commesse dal re, i giganti attraversarono l'oceano e sbarcarono sulla costa nord di Drangleic. Lì assediarono il castello in una guerra che durò generazioni e portò alla totale distruzione di insediamenti, forti e castelli vicini.

Mentre la guerra infuriava tra le forze di Vendrick e i giganti, la stragrande maggioranza della popolazione di Drangleic fuggì dal regno. I giganti vennero infine sconfitti quando il loro re cadde per mano di un eroe sconosciuto. Ormai, Drangleic era però ormai stata ridotta a un cumulo di macerie e i visitatori erano rari.

Già indebolito dai giganti, il regno subì anche le conseguenze dell'indebolimento della Prima Fiamma e, con esso, l'avvento della Maledizione della Non Morte. Nel disperato tentativo di trovare una cura per la maledizione, Vendrick e suo fratello Aldia studiarono la natura dell'anima stessa. Per evitare che la situazione degenerasse, Vendrick utilizzò una grande anima per tenere a bada la maledizione, iniziando poi a spedire i non morti in una terra lontana, per evitare che ce ne fossero troppi all'interno del regno. Vendrick non aveva intenzione di vincolare la Prima Fiamma, ma al tempo stesso non era convinto che lasciarla estinguere avrebbe portato all'Era dell'Uomo. Al contrario, cercò una terza via. I suoi tentativi fallirono però tutti, e finì per rendersi conto che la sua amata regina era in realtà una delle figlie del Padre dell'Abisso. Nashandra desiderava la Prima Fiamma e le anime speciali e Vendrick, per impedirle di portare a termine il suo piano, si esiliò nella Cripta del Non Morto, assicurandosi al tempo stesso che Nashandra non avesse accesso alla fiamma.

Insieme a un piccolo gruppo di cavalieri e al suo fedele braccio destro Velstadt, Vendrick raggiunse la Cripta del Non Morto. Separatosi dalla sua anima speciale, Vendrick divenne presto vuoto e vaga ancora per la cripta.

Storia[]

Dopo essere entrato nella Cripta del Non Morto e aver sconfitto Velstadt, il Portatore della Maledizione si imbatte nel re, ormai un guscio vuoto. È possibile scegliere se risparmiarlo e lasciarlo lì oppure ucciderlo per porre fine alle sue sofferenze.

Utilizzando il Cuore della nebbia cinerea, è inoltre possibile accedere al Ricordo del Re, nel quale interagire con Vendrick prima che divenisse vuoto. Triste e affranto per i propri fallimenti, Vendrick indirizzerà il Portatore della Maledizione alle corone degli antichi re. Una volta recuperate tutte quante, ne sbloccherà il potere, impedendo al protagonista di divenire un essere vuoto e invitandolo a perseguire una terza via, oltre la luce e l'oscurità.

Oggetti lasciati[]

Alla morte, Vendrick non lascerà nulla se non un determinato quantitativo di anime. Tuttavia, la sua Anima del re e la sua armatura divengono accessibili al Santuario di Amana, dietro una porta che è possibile aprire solo dopo averlo sconfitto. La porta si trova nello spazio tra il primo e il secondo capanno ed è al termine di un ponte; è necessario essere in forma umana per aprirla.

Anche bruciando un Falò ascetico al Santuario di Amana, gli oggetti non ritorneranno.

Note[]

  • Vendrick sarà inizialmente passivo e attaccherà solo dopo aver subito un determinato quantitativo di danni dal giocatore. Esso aumenta o diminuisce a seconda della quantità di anime di un gigante presenti nell'inventario, quindi attaccarlo subito dopo lo scontro con Velstadt non lo renderà mai ostile.
  • Bruciando un Falò ascetico al falò Fossa dei Non Morti della Cripta del Non Morto, sia Velstadt che Vendrick ritorneranno.
  • Per accedere al Ricordo del Re, è necessario possedere l'espansione Crown of the Sunken King e interagire con l'armatura nell'arena di Vendrick.
  • Se Vendrick viene ucciso prima di affrontare Nashandra, allora dopo di lei bisognerà affrontare anche Aldia.

Curiosità[]

  • Quando si parla con Vendrick nel Ricordo del Re, egli dirà di non definirsi un re, bensì un giullare. Questo è un probabile riferimento al fatto che il suo doppiatore ha prestato la voce al personaggio di Chester il Magnifico nel primo capitolo, che era proprio vestito come un giullare.

Galleria[]

Colonna sonora[]

Dark Souls II[]

King Vendrick[]

https://youtu.be/lYoskxGePOU

Advertisement